Vincenzo Padula

...Vincenzo Padula nacque ad Acri (CS) il 25 marzo 1819 da Carlo Maria, medico, e da Mariangela Caterino. A dieci anni entrò nel seminario di Bisignano, dal quale passò, poi, in quello maggiore di S. Marco Argentano, dove il 10 giugno 1843 fu ordinato sacerdote.

::.:: OPERE VINCENZO PADULA

* Il Monastero di Sambucina - Novella calabrese, Bruxelles (ma Napoli), 1842.
* Valentino - Poemetto, Palermo (ma Napoli), 1845; Cosenza, 1846.
* Apocalisse di San Giovanni apostolo recata in versi italiani, Napoli, 1854;2^, 1861.
* In morte del marchese Cesare Berlingieri di Crotone, Napoli, 1854. - Il Natale, Napoli, 1854.
* La Passione, Napoli, 1854.
* A Maria Concetta Immacolata, Napoli, 1854.
* In morte del giovane Alfonso Perrelli, Napoli, 1856.
* Canzone calabrese sopra la notte di Natale, Cosenza, 1858.
* Per le sponsalizie di Giuseppe e di Maria - Panagerico, Cosenza, 1859.
* A Maria Addolorata - Panegerico, Cosenza, 1860.
* Antonello capobrigante calabrese, Cosenza, 1864/65; 2^, Cosenza, 1865; 3^, Napoli, 1878.

Proprietà dello Studiosa. Disponibile presso la Fondazione "Vincenzo Padula"

Abidene Niceste
I tre giulj. Venezia, MDCCLXVII

Adilardi Francesco

Il centro urbano è situato a 720 m s.l.m. ai piedi della Sila e della montagna della Noce e il suo territorio si estende per oltre 20.000 ettari (fra i quattro più vasti dell'intera regione con San Giovanni in Fiore, Reggio Calabria e Longobucco). Porta Nord della Sila, la parte più antica, dalla quale è possibile osservare le alte cime del Pollino, domina la valle del Mucone e la valle del Crati. 

In dotazione presso la Biblioteca   della Fondazione

Manoscritti del Padula.

*    Volume I°      Poesie
*    Volume II°    Dizionario Calabro-Italiano
*    Volume III°   Storia e costumi di tutti i comuni calabresi

Template by JoomlaShine